Home / Copertina / Narges Mohammadi in sciopero della fame mentre i diplomatici iraniani si fanno belli a Roma

Narges Mohammadi in sciopero della fame mentre i diplomatici iraniani si fanno belli a Roma

Narges Mohammadi 02di Ragazzi di Tehran   twitter@RagazzidiTehran

 

 

 

 

 

L’attivista Narges Mohammadi ha dichiarato lo sciopero della fame. La coraggiosa prigioniera politica, ormai detenuta dal maggio del 2015, ha deciso di protestare nuovamente non solo contro la condanna inflittale dal giudice, ma anche per il trattamento inumano che le viene riservato in carcere. Condannata a 14 anni di detenzione per la sua attività per i diritti umani, per la liberazione dei prigionieri politici e per la sua opposizione alla pena di morte, dal momento della detenzione ad Evin, Narges Mohammadi ha potuto contattare solamente una volta i suoi due piccoli figli. Un abuso vergognoso, il cui solo scopo è quello di umiliare Narges non solo come attivista politica, ma anche come donna e soprattutto come madre. Nella chiara speranza che crolli definitivamente e la smetta di essere una voce critica del regime iraniano.

 

Idealmente, Narges Mohammadi dovrebbe essere la classica detenuta politica sostenuta da tutto l’Occidente. Non solo per le sue posizioni democratiche, ma anche perché ella ha collaborato con il Premio Nobel per la Pace Shrin Ebadi – oggi autoesiliatasi a Londra – e perché ha cercato di ottenere il sostegno dell’Europa, incontrando anche a Teheran nel 2014, Lady Ashton, predecessora di Federica Mogherini alla carica di Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza dell’UE. Tra le altre cose, l’incontro con la Ashton è stato una delle ragioni dell’arresto di Narges nel 2015. Purtroppo, praticamente, Narges Mohammadi è stata abbandonata. Per lei, infatti, Federica Mogherini non ha speso una sola parola. Cosi come non l’ha fatto il Ministero degli Esteri Italiano, sia durante la fase di Emma Bonino che sotto l’attuale responsabile del dicastero, Paolo Gentiloni.

 

In questi giorni, quindi, in Parlamento si è costituito un gruppo di amicizia Italia – Iran che, secondo le informazioni, ha addirittura ottenuto l’adesione di oltre 100 parlamentari. Presidente di questo gruppo è stata nominata una donna, la parlamentare del PD, Daniela Sbrillini. La prima uscita di questo gruppo avverrà il prossimo 13 luglio, quando alla Camera sarà organizzato l’evento dal titolo “Italia – Iran, un modello di cooperazione”. Un evento che dovrebbe prevedere anche la partecipazione di Faezeh Hashemi Bahramani, figlia dell’ex Presidente dell’Iran Hashemi Rafsanjani.

 

Evento a cui, ovviamente, non mancherà l’Ambasciatore iraniano in Italia, Jahanbakhsh Mozzaffari, impegnato in questo periodo a stringere accordi con le Marche, l’Umbria e lo stesso porto di Genova, per fare dell’Italia la “porta d’ingresso dell’Iran in Europa”. Una porta che diventerà un portone per gli interessi economici dei Pasdaran, capaci oggi di controllare oltre il 40% dell’economia iraniana.

 

Un coinvolgimento fuori controllo, che ha portato l’importante organismo di controllo Financial Action Task Force (FATF), ad inserire nuovamente l’Iran nella blacklist dei Paesi in cui investire. La FATF ha infatti rimarcato come Teheran non abbia dato alcuna garanzia in merito alla fine del riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo internazionale.

 

Duole vedere come, la sola voce di oppsozione sentita in questo periodo sulla reale natura del regime iraniano, sia stata quella dell’ex Ministro degli Esteri Terzi, oggi membro della United Against Nuclear Iran. Al di là dell’Ambasciatore Terzi, nessun esponente istituzionale italiano – e quasi nessun media – ha scelto di raccontare il vero volto dell’Iran, anche solamente per allertare gli imprenditori italiani in merito al rischio di investimento nella Repubblica Islamica.

 

Neanche a dirlo, l’evento del 13 luglio alla Camera, continua un percorso di appeasment acritico verso Teheran. Lo stesso che sta portando Narges Mohammadi a morire abbandonata nel carcere di Evin…

 

 

 

Fonti:

https://freedomessenger.com/fa/human-right-fa/political-prisoners-fa/37-political-prisoners-fa/1442-narges-mohammadi-in-evin-prison-hunger-strike

http://www.deputatipd.it/news/iran-sbrollini-nasce-associazione-parlamentare-amicizia-italia-iran

http://www.fatf-gafi.org/publications/high-riskandnon-cooperativejurisdictions/documents/public-statement-june-2016.html

 

 

 

 

 

 

 

 

(28 giugno 2016)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi