Home / Copertina / Ragazzi di Tehran: l’Iran impicca un uomo in pubblico. Ministro Gentiloni ci regali un tweet sulla questione
lente contatto

Ragazzi di Tehran: l’Iran impicca un uomo in pubblico. Ministro Gentiloni ci regali un tweet sulla questione

Iran Impiccaggione 01di Ragazzi di Tehran  twitter@ragazzidiTehran

 

 

 

 

Di lui conosciamo solamente le iniziali: E.B.

 

Sappiamo però che è l’ennesimo detenuto iraniano che viene impiccato dal regime. Un’impiccagione che, ancora una volta, avviene in pieno stile Medievale, ovvero in pubblica piazza. Il brutto episodio è avvenuto presso Miandoroub, nel nord dell’Iran (precisamente nella città di Goharbaran Boulevard). Per quello che è possibile sapere, secondo gli attivisti per i diritti umani, l’uomo era accusato di omicidio (Freedom Messenger).

 

Con questa nuova condanna a morte, salgono ad oltre 2000 le esecuzioni capitali avvenute in Iran dall’elezione di Hassan Rouhani. Nel solo 2015, Teheran ha messo a morte quasi 1000 persone, ammettendo ufficialmente solamente 360 condanne alla pena capitale (Iran Documentation Center).

 

Iran Impiccaggione

Ora, quello che ci chiediamo, è se il prigioniero E.B., avrà la stessa attenzione mondiale che sta ricevento – giustamente – la condanna a morte dello Sceicco sciita al-Nimr in Arabia Saudita. Ci chiediamo, soprattutto, se anche E.B. avrà il diritto di vedere un tweet di condanna dell’uso della pena di morte, pubblicato dal Ministro degli Esteri Italiano Paolo Gentiloni (Gaiaitalia.com).

 

Al contrario, se ciò non avvenisse, dovremmo ufficialmente affermare che esistono pene capitali di Serie A e pene capitali di Serie B…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(5 gennaio 2016)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi