Home / Politica / Esteri / L’Argentina va a destra col liberale Macri che sconfigge il fantasma di Cristina Kirchner

L’Argentina va a destra col liberale Macri che sconfigge il fantasma di Cristina Kirchner

Mauricio Macridi Giovanna Di Rosa

 

 

 

 

Diciamocelo. Doña Cristina ha dato all’Argentina la sensazione di essere tornata ai tempi di Evita Peron, ma non molto altro. Ha trascinato il paese sull’orlo del default per un paio di volte, ha fatto la voce grossa per questioni risibili, ha detto sì al matrimonio egualitario (legge giustissima, ma gestita per il trionfo del populismo più bieco) ed è riuscita ad imporre un candidato presidente che doveva seguire le sue orme. Disgraziatamente per lei il gioco non le è riuscito perché l’Argentina ha scelto un liberale (non è andata a destra come scrivono in tanti, a destra c’era già) che, per di più, ha intenzione di riaprire le relazioni diplomatiche e commerciale con l’Iran, quell’Iran implicato nell’assassinio del giudice Alberto Nisman che è morto ammazzato nel suo studio (qualcuno dice suicida) il giorno precedente alla sua apparizione in tribunale per incriminare Cristina Kirchner, lei. La Presidenta.

 

La storia aveva a che fare con un attentato avvenuto nel 1994 che aveva ammazzato 90 ebrei in un centro culturale di Buenos Aires i cui mandanti sembravano essere proprio gli Iraniani. Il nuovo presidente Mauricio Macri vuole andare proprio verso l’Iran, capiremo il perché nei prossimi mesi, ed aiutare il Venezuela a disfarsi di Nicolas Maduro. Notizie sulla politica interna e sulle misure economiche da adottare per far crescere il paese non ne ha fornite in dettaglio. Magari ha vinto anche per quello.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(24 novembre 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Comments

comments

gaiaitalia.com

x

Check Also

#Budapest2017: strabiliante record del mondo di Adam Peaty sui 50m rana: 25″95!

Share this on WhatsAppdi Filomena Filippetti         Pazzesco record del mondo sui 50m rana maschili del britannico Adam Peaty ai Campionati Mondiali di Budapest 2017 che, dopo avere nuotato nelle batterie del mattino 26″10 ha superato se stesso nella finale del pomeriggio con un entusiasmante (e stellare!) 25″95 che ...

“Viva gli abbracci e viva la nostra sinistra”, di Anna Rita Leonardi

Share this on WhatsAppdi Anna Rita Leonardi, twitter@annaleonardi1     La parola “compagni” è ciò che ha sempre contraddistinto l’identità della sinistra. Chiamarsi “Compagni” è un modo per unire, per stare insieme, tutti sotto gli stessi valori. Ecco, davanti alla polemica dell’abbraccio Pisapia – Boschi, da parte di chi vorrebbe ...

Siamo in attesa di ricevere le direttive di Mdp su come stringere la mano e quando (e come) abbracciarci

Share this on WhatsAppdi Daniele Santi, twitter@gaiaitaliacom     Eccoci così costretti, noi ignoranti bufali senza senno, ad aspettare le nuove direttive di Mdp sulla stretta di mano e gli abbracci. E’ questo il profondo cambiamento politico che il partitino dei (senza) Speranza si propone per l’Italia? Non sappiamo. E’ ...

Finanziamenti pubblici ai partiti: la Lega deve restituire 48 milioni di euro

Share this on WhatsAppdi Gaiaitalia.com, twitter@gaiaitaliacom     Eccoli gli arzilli pargoli della truffa leghista ai danni dello Stato, quelli che gridavano “Roma ladrona” dalle piazze e poi facevano ciò che volevano con 48 milioni di euro che ora dovranno essere confiscati proprio alla Lega, come deciso dai giudici. Eccola ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi